Promozione della Salute

Contribuisce ad aumentare la capacità di controllo delle persone sulla propria salute.

Sedi e Orari

  • › Perugino

    REFERENTE

    Dott.ssa Erminia BATTISTA


    DOVE SIAMO


    Indirizzo: Parco Santa Margherita Ex Pad. Neri (unità operativa ISP)


    Telefono  o75/5412444


    Indirizzo mail: erminia.battista@uslumbria1.it


    Facebook: promozione stili salutari


     

    PROGRAMMA


    Il Dipartimento di Prevenzione sta attuando nel territorio il programma intersettoriale “Costruiamo insieme la Città che Promuove la Salute” ,finalizzato a prevenire e contrastare le malattie cronico degenerative attraverso strategie di popolazione basate sulla facilitazione di scelte di vita corrette, implementando gli obiettivi del programma nazionale “Guadagnare Salute” (DPCM del 22 maggio 2007) (link con decreto allegato), secondo i principi di “Salute in tutte le Politiche” (link allegato).


    Il programma contraddistinto dall’intento di lavorare per processi, superando la logica del progetto, in un’ottica di continuità degli interventi e offre, quali aspetti salienti, un forte impegno verso la partecipazione dei vari attori sociali ed il moltiplicarsi di azioni preventive a cascata generatesi con “movimento spontaneo”. L’attuazione presuppone l’avvio di processi costruiti con il pieno coinvolgimento di molteplici soggetti e sulla creazione di una rete di alleanze tra servizi interni ed esterni all’Azienda.


    Il programma, si snoda in più linee operative, foriere di una serie di azioni consequenziali, a largo spettro, poiché è noto che un processo di modifica degli stili di vita ha molte più probabilità di successo quanto più la proposta è complessiva.  Le numerose azioni si embricano nei vari processi e sconfinano nelle varie linee operative di seguito riportate.


    LINEE OPERATIVE


    • Promuovere la mobilità attiva e sostenibile

    • Promuovere l’attività fisica in tutte le fasce di età(LINK 2)

    • Promuovere una corretta e sana alimentazione (LINK 3)

    • Rendere le scuole promotrici di salute (LINK 4)

    • Prevenire incidenti (stradali, domestici) (LINK 5)

    • Prevenire e contrastare l’abitudine al fumo (LINK 6)

    • Contrastare l’uso rischioso di alcol (Link 7)

    • Promuovere le relazioni positive tra le persone

    • Comunicare la Salute attraverso la rete

     



    FORMARE I MAPPS


    LAVORI IN CORSO


    DICONO DI NOI


    COLLABORAZIONI


    LAVORI IN CORSO

    Continua l’attuazione del Programma Costruire insieme la Salute.

    Sono stati avviati i progetti del nuovo Piano Regionale di prevenzione (Link …) 

    Promuovere la mobilità attiva e sostenibile: La salute che cammina

  • › Trasimeno

    REFERENTE

    Dott.ssa Pamela RASPA

    Il gruppo tecnico del servizio si occupa di coordinare le attività di promozione della salute del territorio, accogliendo ed orientando gli input che vengono dalle organizzazioni e dai cittadini, progettando con loro azioni volte al benessere della persona nel proprio contesto di vita.


    Nel servizio opera un’equipe multidisciplinare ed intersettoriale composta da:

    - referenti dei servizi del Distretto Sanitario

    - referenti della Zona Sociale n.5 

    - referenti del CeSVol (sportello del Trasimeno)


    Contatti:


    Distretto Sanitario del Trasimeno

    Pamela Raspa

    cell. 334 3348633

    pamela.raspa@uslumbria1.it

     

    Ufficio di Zona n.5

    Daniela Baiocco

    tel. 075 8378004

    dbaiocco@comune.panicale.pg.it

     

    CeSVol- Sportello Territoriale del Trasimeno

    Sara Belvedere

    tel. 075 951217  cell. 346 7050549

    clago@pgcesvol.net


    Aree Progettuali sviluppate dal servizio

     

Descrizione del servizio


La Promozione della Salute è un processo che conferisce alle persone la capacità di aumentare e migliorare il controllo sulla propria salute.
L’attività viene svolta attraverso la RETE per la Promozione della Salute che comprende vari Servizi interni all’Azienda e Gruppi di Interesse appartenenti ai vari settori della società civile.
La Rete Aziendale per la Promozione della Salute è stata costituita il 25 novembre 2015 in attuazione della Delibera del Direttore Generale n. 1103 del 17/12/2014, che ne ha definito i componenti e i compiti da svolgere


Per chi ama camminare in compagnia....
tutte le opportunità offerte dal
Piedibus del Ben Essere


Rete Aziendale per la Promozione della Salute

Coordinatrice:  Dott.ssa Erminia Battista, Dirigente medico U.O.C. Igiene e Sanità Pubblica, Dipartimento di Prevenzione

Sede: Parco Santa Margherita Ex Pad. Neri
Tel. 075 5412444 e 347 1024074  | E-mail: erminia.battista@uslumbria1.it

Facebook: Promozione Salute nella Comunità – Piedibus del Ben Essere
Twitter:  RetePromSalute1


Referenti Distretti

Referente Distretto Perugino  Dott. Luciano Bondi                                         

Referente Distretto Trasimeno  Dott.ssa Pamela Raspa                 

Referente Distretto Assisano  Dott.ssa Annamaria Gentili                

Referente Distretto Media Valle Tevere  Dott.ssa Maria Donata Giaimo

Referente Area Nord  Dott.ssa Rossana Traversini

Referente Distretto Alto Chiascio  Dott.ssa Antonella Micheletti

Referente Distretto Alto Tevere   Marisa Barzotti

 

Referenti Servizi

Referente Servizio ISP  Dott.ssa Anna Cicatiello

Referente Servizio IAN  Dott.ssa Daniela Sorbelli

Referente Servizio PSAL  Dr. Emilio Abritti

Referente Medicina dello Sport area Nord  Dott.ssa Antonella Primerano

Referente Servizio SQC  Dr. Stefano Piccardi

Referente Servizio Epidemiologia  Dott.ssa Carla Bietta

Referente Servizio Formazione del Personale  Dr. Franco Cocchi

Referente Presidio Ospedaliero Città di Castello  Dott.ssa Michela Dini

Referente Presidio Ospedaliero Città di Castello  Dott.ssa Teresa Tedesco

Referente Presidio Ospedaliero Gualdo Tadino  Dott.ssa Teresa Tedesco e Dott.ssa Tania Monacelli

 


Elenco prestazioni

La Rete Aziendale dei Servizi per la Promozione della Salute svolge i seguenti compiti:


a) Progetta il “Piano aziendale per la promozione della salute”, secondo le linee strategiche e la programmazione stabilita nel Piano Regionale di Prevenzione, coordinando e sostenendo interventi di promozione della salute che siano frutto il più possibile di una progettazione partecipata, in collaborazione con i servizi/strutture aziendali e con i soggetti esterni (Scuola, Enti Locali, Associazioni dei cittadini, ecc..) per incrementare le possibilità di scelta dei cittadini verso stili di vita e politiche a favore della salute.


b) Svolge un’azione di “governance”, cioè garantire qualificate funzioni di consulenza, coordinamento e supporto nei confronti degli altri portatori di interesse che controllano i principali determinanti di salute.


c) Garantisce l’appropriatezza degli interventi e la definizione/diffusione del processo culturale attraverso l’attivazione di percorsi formativi specifici, da una parte nei confronti degli operatori sanitari perché svolgano una adeguata attività di counselling, dall’altra per raggiungere i rappresentanti della società civile affinché diventino “moltiplicatori delle azioni preventive”;


d) Contribuisce, in particolare, alla costruzione e sperimentazione di un modello di metodologia didattica all’interno del lavoro scolastico coerente con i principi della promozione della salute che promuova le metodologie riconosciute efficaci e le “buone pratiche”, coinvolgendo direttamente gli insegnanti per la realizzazione di attività di educazione e promozione della salute rivolte agli alunni e ai genitori.


e) Monitora e valuta attraverso i sistemi di sorveglianza attivi o specifici indicatori di processo individuati con il supporto dell’Epidemiologia, i risultati delle azioni messe in campo

f) Produce sussidi e strumenti di informazione e sensibilizzazione rivolti alla popolazione su temi riguardanti la salute, sui risultati ottenuti e sui comportamenti da modificare.


g) Realizza incontri informativi rivolti alla popolazione generale o iniziative specifiche sul tema (es. sicurezza stradale, sicurezza in ambiente domestico, promozione della conoscenza dei servizi, ecc.), tenendo conto dei problemi di salute rilevati e dei diversi target cui sono rivolte le iniziative. h) Collabora con il livello regionale alla individuazione di strategie vincenti in tema di promozione di stili di vita sani e comunque di promozione del benessere della popolazione in tutte le fasce di età e alla valutazione dei risultati ottenuti.




Ultimo aggiornamento: 08/09/2017